Liberilibri Editrice | Sui libri malvagi
1106
product-template-default,single,single-product,postid-1106,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
Sconto
Amadio ZangariClemente XIIIGeneroso SalomoniGregorio XVIVoltaire

Sui libri malvagi

 

Voltaire, Clemente XIII, Generoso Salomoni, Gregorio XVI, Amadio Zangari

a cura di Aldo Canovari

pagine 172

isbn 978-88-95481-66-1

prima edizione 2011

ristampa 2011

 

16,00 13,60

-15%

DESCRIZIONE

La potenza di fuoco dei libri è altissima ed è capace, rendendo possibile la conoscenza e il confronto d’idee, di modificare inveterate convinzioni, sovvertire istituzioni po­li­tiche e religiose, e anche sbaragliare eserciti. Per questo, in ogni epoca, tutti i governanti hanno esercitato severe forme di controllo sulla pub­blicazione e diffusione dei libri.

Oggi, censura e intolleranza vengono prati­cate, oltreché – in forma violenta – da alcuni Stati islamici, anche, e paradossalmente, da Stati cristiani “democratici, pluralistici e laici” d’Occidente: ciò a di­spetto del di­ritto alla li­bertà di pensiero e di espressione proclamato solennemente in tutte le Carte costituzionali dei nostri giorni.

Infatti, con la medesima logica con cui i vecchi regimi reprimevano le idee ad essi ostili, oggi gli ordinamenti nazionali e co­munitari re­primono la manifestazione di idee malvagie adottando e applicando nor­me che perseguono il “reato d’opinione”.

Questo libello raccoglie alcuni esempi di tale percorso storico, il quale evidenzia nuo­ve inconcepibili con­traddi­zioni del tem­po presente e nuovi-vecchi pericoli che do­vrebbero non solo farci riflettere, ma metterci in allarme.