Liberilibri Editrice | Saggio sull’Uomo
940
product-template-default,single,single-product,postid-940,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
Alexander Pope

Saggio sull’Uomo

 

di Alexander Pope

 

a cura di Adelino Zanini

testo a fronte

 

PAGINE XXXIII-124

ISBN 88-85140-16-5

PRIMA EDIZIONE 1994

RISTAMPA 1997

 

Esaurito

DESCRIZIONE

Alexander Pope (1688-1744), raffinato quan­­to prolifico poeta, intimo amico di lord Bol­ing­­broke, fondatore con Jonathan Swift del ce­lebre Scriblerus Club, è una delle fi­gure letterarie più illustri e contestate del pano­rama augusteo. Traduttore di Omero, editore di Shakespeare, noto soprattutto quale au­tore de Il Riccio rapito e della Dunciad, tra il 1730 e il 1732 com­pose il suo più ambizioso poe­ma: An Essay on Man. L’opera è costituita da quattro epistole in versi, nelle quali sono racchiusi lo spirito filosofico del secolo e il sentimento di una epoca: la consapevole accettazione di un or­dine universale in cui odio e benevolenza, fe­ro­cia e mansuetudine, piacere e dolore tro­vano un loro senso imperscrutabile e in cui l’uomo – elemento intermedio ma non centrale della Grande Catena del­l’Essere – deve deporre la velleitaria pretesa di compren­dere il tutto. Elogiato da Voltaire e da Kant, An Essay on Man fece di Pope una celebrità europea.