Liberilibri Editrice | La giustizia virtuosa. Manualetto del detenuto dilettante
953
product-template-default,single,single-product,postid-953,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
Sconto
Roberto Racinaro

La giustizia virtuosa. Manualetto del detenuto dilettante

 

Roberto Racinaro

prefazione di Biagio De Giovanni

pagine XVI-144

iabn 978-88-85140-22-6

prima edizione 1996

quarta ristampa 2011

 

15,00 12,75

-15%

DESCRIZIONE

Come puoi dirti innocente se nemmeno cono­sci la norma che hai violato? L’agghiacciante interrogativo kafkiano condensa splendidamente l’angoscia di chi, pur consapevole della propria cor­rettezza nell’operare e della propria onestà, viene re­pen­tinamente a trovarsi nelle condizioni di in­dagato, di recluso, di imputato. Un mondo alla rovescia, grottesco e diabo­lico, in cui il castigo prece­de la colpa e la sua cognizione da parte del “dannato”. L’Autore, nel ripercorrere le sequenze li­­turgiche che accompagnano l’introibo alla car­ce­razione, analizza quel proces­so di de­costruzione della identità, dello status, del­l’im­magine, in sostanza della “persona”, che la “virtuosa” macchina del­la giu­stizia avvia e porta a compimento, at­tuando so­vente veri e propri omicidi legali: effetti collaterali indesiderati, for­se non del tutto trascurabili, della sua benefica e soccorrevole azione. La giustizia virtuosa, al di là della testimo­nianza sulla vicenda personale del­l’Au­to­re, dà un lucido contributo all’analisi di quella vergogna nazionale che è l’uso in­cauto del­la custodia cautelare e ripropone la indi­la­zio­nabile necessità di rivedere molti sacri riti giudiziari di cui il Ma­­gistra­to resta ti­rannico officiante e che inchiodano ancora il nostro Paese in un re­gi­me di ne habeas corpus.