Liberilibri Editrice | Il no disperato
19271
product-template-default,single,single-product,postid-19271,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
Sconto
Mario Elisei

Il no disperato

 

Mario Elisei

postfazione di Ignacio Carbajosa

pagine 144

isbn 978-88-98094-54-7

prima edizione 2018

 

13,00 11,05

-15%

DESCRIZIONE

Cosa si può dire ancora su Giacomo Leopardi? La grandezza dei classici sta proprio qui: essi sono una continua fonte di comprensione della realtà in cui viviamo. In questo breve saggio, Mario Elisei ci guida con chiarezza alla scoperta delle radici del pessimismo del grande poeta. Da quali rapporti familiari, da quali riflessioni personali, da quali problemi fisici è nato il nucleo del suo pensiero? E cosa c’è alla base della feconda contraddittorietà nella sua opera?

Fondandosi soprattutto sullo Zibaldone e sull’epistolario, Elisei scopre come Leopardi non sia soltanto un formidabile poeta e filosofo, ma un pensatore della crisi. Attraverso la sua dolorosa esperienza personale, Leopardi ha decodificato il senso di una crisi che da individuale si fa collettiva. E questo rende il grande poeta anche una guida per comprendere meglio la nostra complessa contemporaneità.

RECENSIONI

Il no disperato, di Gabriele Ottaviani, «Convenzionali», 11 gennaio 2019

Tutte le idee che ci derivano dai sensi provengono dall’abitudine acquisita da fanciulli.

Il no disperato, Mario Elisei, Liberilibri. Postfazione di Ignacio Carbajosa. I classici, si sa, non finiscono mai di dire quel che hanno da dire, e la filosofia, l’amore per il sapere, la riflessione in merito all’uomo e a tutto ciò che lo riguarda, in prima battuta la conoscenza, specie da quando Socrate ha spostato dalla natura all’individuo il baricentro dell’esegesi, indagano la realtà in cerca di risposte, proponendo quesiti. Giacomo Leopardi non è stato solo uno straordinario scrittore, un poeta elegantissimo, ma anche, per non dire soprattutto, un intellettuale di sensibilità sopraffina, cesellata proprio dal continuo studio e dalla curiosità innata per l’altro da sé: è questo, in primo luogo, che ne rende attualissimo ancora oggi il messaggio, in un’epoca come quella contemporanea che fatica a vedere l’opportunità nella crisi, economica, politica, sociale, culturale, valoriale. Il saggio di Elisei, agilissimo, dotto e divulgativo, istruisce e appassiona: da leggere.