Liberilibri Editrice | Cartismo
957
product-template-default,single,single-product,postid-957,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
Thomas Carlyle

Cartismo

 

Thomas Carlyle

a cura di Giuseppe Nori

pagine LII-198

isbn 88-85140-31-9

prima edizione 1999

 

Esaurito

DESCRIZIONE

Nel dicembre 1839 esce a Londra Chartism, un pam­phlet esplosivo, che come nessuna altra opera mette a fuoco, proiettandole ver­so il nuovo decennio che si apre, le sconvolgen­ti tensioni politiche e sociali di que­gli anni burrascosi. Tensioni destinate a percor­rere – alcune irrisolte fino a oggi – l’intera Eu­ro­pa e a generare esiti in molti casi drammatici. Attraverso lo sguardo luciferino e la scrit­tura numinosa di Carlyle, tutto il malessere materiale e morale, l’ansia di riscatto di gran­di folle di popolo acquistano una epicità lam­­peggiante di bagliori eroici. Questioni cruciali come il rapporto fra for­za e diritto, governo delle élites e democrazia, sindacalismo e rap­presentanza politica, as­sistenzialismo e laissez-faire, produzione di ricchezza e sua redistribuzione, so­vrap­po­po­lazione ed emigrazione – che appena dieci anni più tardi finiranno sotto la luce bianca e glaciale del tavolo anatomico di Marx – si caricano in Chartism della luce calda e multi­colore della poesia.