Liberilibri Editrice | Verso un mondo nuovo. Eleanor Roosevelt e la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani
1068
product-template-default,single,single-product,postid-1068,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
Sconto
Mary Ann Glendon

Verso un mondo nuovo. Eleanor Roosevelt e la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani

Il racconto di come, dalle macerie della seconda guerra mondiale, sia stato possibile ricreare una nuova unità tra i popoli.

 

Mary Ann Glendon

a cura di Serena Sileoni

traduzione di Benedetta Frigerio

introduzione di Paolo G. Carozza, Marta Cartabia, Andrea Simoncini

pagine XX-506

isbn 978-88-95481-40-1

prima edizione 2009

 

24,00 20,40

-15%

DESCRIZIONE

Verso un mondo nuovo di Mary Ann Glen­don è il racconto avvincente di come, dalle macerie della Seconda guerra mon­diale, un manipolo di autorevoli storici, filosofi, di­plo­matici, giuristi provenienti da culture lon­tane – cattolica, protestante, islamica, ebraica, confuciana, atea, induista – grazie alla guida intelligente, ap­pas­sionata e tenace di Eleanor Roosevelt, riuscì a distillare i va­lori comuni fondanti di un pacifico consorzio umano, rac­­co­gliendoli in quel do­cumento che può definirsi il pri­mo Bill of Rights dell’intera umanità: la Dichia­ra­zione Uni­ver­sale dei Diritti Umani approvata dall’ONU il 10 dicembre 1948.

 

«Che cosa permise di raggiungere accordi così delicati e decisivi, rapidamente, spesso in pochi mesi, tra persone che da un pun­to di vista culturale, ideologico e po­litico, avrebbero dovuto trovarsi in posizione av­versaria? … L’Autrice prende per mano il lettore e lo conduce dietro il sipario, perché possa assistere a tutta la dinamica che diede luogo a un inatteso consenso …, porta il lettore a conoscere i protagonisti, gli attori, gli uomini e le donne che le vicende della storia fecero incontrare … Il libro è anzitutto una storia di persone vive.»

(Dall’Introduzione di Paolo G. Carozza, Marta Car­­tabia, Andrea Simoncini)