The Bill of Rights [1689] di | Liberilibri Editrice
1663
product-template-default,single,single-product,postid-1663,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
Sconto

The Bill of Rights [1689]

 

 

traduzione di Fabio Del Conte

introduzione di Elizabeth Wicks

testo a fronte

pagine L-30

isbn 978-88-95481-54-8

prima edizione 2010

 

12,00 10,20

-15%

DESCRIZIONE

«[…] la Declaration of Rights (in seguito trasformata in atto legislativo con la denominazione di Bill of Rights) [è] un documento che nell’odierno Regno Unito conserva tutta la sua attualità e che ha contribuito a dare forma all’unicità della sua Costituzione evolutiva, estendendo inoltre su scala mondiale la sua influenza […] Anche se i diritti umani contemporanei differiscono in misura significativa dai diritti e dalle libertà cui venne data una limitata protezione nel 1689, altri concetti, prevalentemente connessi alla libertà individuale, hanno tratto vigore dalla Declaration.
L’impatto dell’ordinamento rivoluzionario del 1689 è stato avvertito, molto oltre le coste britanniche, dai Padri fondatori degli Stati Uniti, i quali nella propria Costituzione recepirono molti dei principî rivoluzionari. […] L’impero britannico fece in modo che i principî del 1689 fossero esportati in tutto il mondo e che si potessero oggi rintracciare in molte carte costituzionali del Commonwealth. Perfino la Convenzione europea sui diritti umani, che in parte fu elaborata da redattori britannici, ha un debito di gratitudine nei confronti della Declaration of Rights del 1689.» 
(Dall’Introduzione di Elizabeth Wicks)