Tenera è la legge di Giancarlo Bagarotto | Liberilibri Editrice
974
product-template-default,single,single-product,postid-974,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
Sconto
Giancarlo Bagarotto

Tenera è la legge

Nell’analisi di un alto magistrato, le aberrazioni nella giustizia italiana radicate nella legislazione e nella cultura giuridica.

 

Giancarlo Bagarotto

pagine 192

isbn 88-85140-50-5

prima edizione 2002

ristampa 2003

 

13,00 11,05

-15%

DESCRIZIONE

Il ciclone politico-giudiziario che ha sconvolto il nostro Paese durante l’ultimo de­cennio, nel mettere a nudo l’oceanica profondità della corruzione, ha anche rivelato aspetti paradossali e allarmanti della giu­stizia italiana: un ingranaggio inefficiente e pigro che, all’occasione, si rivela sollecito e terribile quando sottopone al calvario processuale cittadini innocenti, usa il carcere preventivo per ottenere confessioni e delazioni, condanna alla gogna gli indagati. Un ingranaggio che può essere usato per stritolare nelle sue maglie gli avversari politici e i loro partiti.

Tali aberrazioni non possono imputarsi solo alla fa­ziosità politica o al delirio di onnipotenza di alcuni magistrati, ma hanno radici nella legislazione e nella cultura giuridica che le rendono possibili.

L’analisi di Giancarlo Bagarotto – tanto più significativa in quanto “autoanalisi” di un alto magistrato che ha vissuto dall’interno i problemi della giustizia – esplora le cause prossime e remote dell’attuale crisi e delinea un progetto fortemente innovativo che co­niuga l’indipendenza del giudice con l’efficienza del­la giustizia, scardinando gli inveterati tabù dell’autogoverno del Csm e della carriera dei magistrati.