Statuto Albertino [1848] di | Liberilibri Editrice
1657
product-template-default,single,single-product,postid-1657,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
Sconto

Statuto Albertino [1848]

 

 

introduzione di Giorgio Rebuffa

pagine XXIV-34

isbn 978-88-95481-13-5

prima edizione 2008

 

11,00 9,35

-15%

DESCRIZIONE

Lo Statuto Albertino è la prima Costituzione dell’Italia unita. Si può affermare che esso riassuma l’esperienza liberale italiana, perché nel suo testo si trovano sia l’origine del nostro meccanismo parlamentare, sia l’archetipo del nostro sistema di libertà politiche e civili.
Nella memoria politica italiana lo Statuto è tuttavia una Carta dimenticata, istintivamente connessa soltanto all’istituto monarchico.
Oggi, almeno nel ricordo, possiamo avere consapevolezza dei meriti che allo Statuto Albertino vanno ascritti.
Fu innanzitutto il documento che permise alla Rivoluzione francese e all’Illuminismo di entrare in Italia. E fu poi attraverso di esso che l’Italia entrò nella modernità costituzionale e che divenne compiutamente uno Stato nazionale.

(Dall’Introduzione di Giorgio Rebuffa)