Liberilibri Editrice | Passato quotidiano. Storia e storie del «Corriere Adriatico» dal 1860 al 1914
1907
product-template-default,single,single-product,postid-1907,woocommerce,woocommerce-page,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
sito_passato quotidiano

Passato quotidiano. Storia e storie del «Corriere Adriatico» dal 1860 al 1914

 

di Mariano Guzzini

 

introduzione di Marco Severini

 

PAGINE XVIII-274

ISBN 978-88-95481-68-5

PRIMA EDIZIONE 2011

 

18,00

Collana:
Descrizione

Durante il periodo dell’Unità d’Italia, nelle Marche nacquero e scomparvero tantissimi fogli a stampa, ma uno soltanto si mantenne in vita fino ad oggi: il «Corriere delle Marche» che, fondato da Lorenzo Valerio, oppositore di Cavour, parlamentare di riferimento di Garibaldi, direttore di giornali di sinistra e primo governatore straordinario delle Marche, testimonia il generoso lavoro del suo fondatore.
Questo quotidiano nel corso degli anni cambierà diverse volte nome e direttori, sotto la pressione di un ceto politico che andava evolvendosi e di un territorio che cercava la sua modernizzazione, a volte bruscamente, altre volte fin troppo placidamente.

La rilettura dell’intera collezione del quotidiano, tuttora conservata nella sede anconetana del «Corriere Adriatico» (così si chiama oggi), è preziosa per varie ragioni. Intanto inserisce le Marche nel filone di studi sul giornalismo italiano, nel quale esse appaiono quasi assenti. Inoltre, la storia di questo giornale aiuta a districare un interrogativo ricorrente nelle discussioni sulla cultura e sull’identità della Regione. Esistono concreti elementi storici tali da definire una fisionomia specifica e reale del territorio compreso tra il Foglia e il Tronto? Il libro anche su questo terreno sdrucciolevole azzarda una sua tesi.