Liberilibri Editrice | Partire dalla pena. Il tramonto del carcere
1195
product-template-default,single,single-product,postid-1195,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
Sconto
Giovanna Di RosaSilvia CecchiTomaso Emilio Epidendio

Partire dalla pena. Il tramonto del carcere

Riflessioni sui cardini del diritto penale per una salvaguardia dei diritti del reo e della vittima

 

Silvia Cecchi, Giovanna Di Rosa, Tomaso Emilio Epidendio

prefazione di Luciano Eusebi

pagine 296

isbn 978-88-98094-24-0

prima edizione 2015

 

17,00 14,45

-15%

DESCRIZIONE

La crisi del sistema sanzionatorio at­tuale, mo­nistico e afflittivo, che ha il suo fuoco nello “scandalo” del carcere, è il punto di partenza per una riflessione a tutto campo sugli istituti cardine del diritto penale sostanziale e processuale. Gli Autori, pur nelle loro diverse prospettive, avvertono la necessità di un mu­­tamento radicale nella filosofia della sanzione per elaborare strumenti plurimi (fondati su un diverso concetto di “afflittività”) più ap­propriati alla salva­guardia dei diritti del reo e della vittima; alle risposte dovute alla do­manda so­ciale di giustizia, che tengano conto delle emotività positive e non di quelle solo vendicative.

È tempo dunque di consolidare prassi virtuose già sperimentate e i cui buoni esiti re­stano sconosciuti alla opi­nione pubblica. Il discorso sulla pena, iniziato dagli Autori da vari anni, trova ri­scontro oggi in cauti ma si­gnificativi recentissimi interventi legislativi. Si tratta di approdi difficili da conquistare, ma dai quali, una volta fatto il salto di pensiero giuridico, non si torna più indietro.