Liberilibri Editrice | Orazione per la Repubblica
794
product-template-default,single,single-product,postid-794,woocommerce,woocommerce-page,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
sito_orazione

Orazione per la Repubblica

 

di Pietro Di Muccio de Quattro

 

presentazione di Sergio Ricossa

 

PAGINE X-140

PRIMA EDIZIONE 1990

SECONDA EDIZIONE 2001

 

10,33

Collana:
Descrizione

Una penetrante e impietosa analisi della Costi­tu­zio­ne italiana, condotta senza le ri­tuali timidezze che pesano sul dibattito istituzionale.

«Gli uomini politici sono abituati a parlare agli elet­tori, non a sentir parlare gli elettori. Fanno la predica agli altri, non amano farsi fare la predica dagli altri. Non dialogano che con se stessi, e finiscono con l’iso­larsi come una casta indiana … potrà dunque sembra­re strano a costoro essere interpellati direttamente da un cittadino … c’è la rivendicazione di un diritto di­men­ticato, quello di far giungere ai governanti la voce dei governati. Orazione per la Repubblica è, fra l’altro, un modello di arte della critica … le frecciate di Di Muccio sono un servizio reso a coloro che ne sono il bersaglio, non importa se essi ne trarranno profitto o no. Ma se non ne trarranno profitto non sarà soltanto peggio per loro, sarà pure peggio per noi.»

(Dalla Presentazione di Sergio Ricossa)