Opus Diaboli di Karlheinz Deschner | Liberilibri Editrice
968
product-template-default,single,single-product,postid-968,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
Karlheinz Deschner

Opus Diaboli

Il più implacabile atto d’accusa contro la Chiesa del Maligno, ovvero i crimini di cui si sono macchiate nei secoli le Chiese cristiane: persecuzioni, repressioni e condanne.

 

Karlheinz Deschner

traduzione di Fanny Pigliapoco

introduzione di Quirino Principe

pagine XXXII-208

isbn 88-85140-34-3

prima edizione 2003

 

Esaurito

DESCRIZIONE

Nel vasto panorama della storiografia che ha esplorato i crimini contro l’umanità di cui si sono macchiate attraverso i secoli le Chiese cristiane, e la Chiesa cattolica in particolare, Opus Diaboli co­stituisce forse il più implacabile atto d’accusa, sul solco dei Meslier, Voltaire, Nietzsche. I dieci quadri di questo libro che si snodano attraverso tut­­ta la storia della nostra cristiana civiltà, non sono l’en­nesima denuncia di de­viazioni episodiche compiute da fallibili es­seri umani in nome della Vera Uni­­ca Fede, ma convergono a formulare una tesi ag­ghiac­cian­te: il cristianesimo come negazione di Cri­sto, il cristianesimo come quintessenza della violenza, del fanatismo e dell’intolleranza. Attraverso l’indagine di Deschner, persecuzione dei diversi, umiliazione della donna, oppressione dei de­bo­li, odio teologico, de­lirio missionario, condanna del libero pensiero, superstizione, ostilità contro la scien­­za, repressione della gioia di vivere appaiono non già come sporadici, degeneri frutti di una pianta in sé sana e benefica, ma come con­notati costitutivi sta­bili e consustanziali al cristianesimo.