Minosse o della legge di Platone | Liberilibri Editrice
977
product-template-default,single,single-product,postid-977,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
Sconto
Platone

Minosse o della legge

A chi affidare i governi? Platone qui sintetizza temi divenuti elementi essenziali del pensiero giuridico occidentale: è il politico che fa le leggi.

 

Platone

a cura di Ciro Sbailò

pagine CXXX-36

isbn 88-85140-52-1

prima edizione 2002

 

14,00 11,90

-15%

DESCRIZIONE

È il politico che fa le leggi. Il giudice, in quanto titolare di un potere “ausiliario”, deve limitarsi ad applicarle. Un concetto antico e attualissimo che trova in Platone uno dei suoi principali teorici. La legge, non come costruzione ma come scoperta della verità; im­perfezione delle norme, molteplici e mutevoli; di­­scra­sie fra giustizia e legalità: il Minosse sintetizza con efficacia temi elabo­rati in altri dialoghi e divenuti elementi es­senziali del pensiero giuridico occidentale. Que­sta pubblicazione vuole anche essere un contributo al rientro di Platone nel dibat­tito politico, dal quale è stato espulso dopo la sua condanna, negli an­ni Cinquanta, come nemico della “società aperta”. Il testo, tradotto tenendo conto delle più recenti ri­cer­che sul Filosofo, è preceduto da un ampio saggio in­troduttivo ed è corredato di un ric­co apparato critico-bibliografico.