Mi mancano i Vecchi Comunisti di Giovanni Sallusti | Liberilibri Editrice
22575
product-template-default,single,single-product,postid-22575,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
Sconto
Giovanni Sallusti

Mi mancano i Vecchi Comunisti

Confessione inaudita di un libertario.

 

 

Prefazione di Giuliano Ferrara

pagine 132

isbn 979-12-80447-31-9

prima edizione 2024

 

16,00 15,20

-5%

Collana:

DESCRIZIONE

LiberiLibri LiberiLibri

Questo non è un libro, è piuttosto una confessione – apparentemente blasfema – che l’autore non è riuscito a trattenere: oggi chiunque sostenga la libertà individuale e d’intrapresa non può non provare una nostalgia inquietante e paradossale per i Vecchi Comunisti. Si tratta della nostalgia di un avversario ovviamente, ma un avversario che accettava alcune premesse: la Rivoluzione industriale come fatto storico-economico positivo, l’autonomia della politica, l’appartenenza alla cultura occidentale. Il Vecchio Comunista non praticava l’“oicofobia”, l’odio di sé, che è invece la specialità della Nuova Sini­stra Woke, sempre più intollerante e censoria. Una sinistra che ha sostituito la fabbrica con Instagram, il partito gramsciano con la sudditanza all’antipolitica, la dialettica hegeliana con la decrescita “gretina”. Fino a farci rimpiangere il barbuto Marx e la sua celebre battuta: ben scavato, vecchia talpa!