Magna Carta [1215] - Liberilibri Editrice
1652
product-template-default,single,single-product,postid-1652,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
Sconto

Magna Carta [1215]

 

 

a cura di Alessandro Torre

testo a fronte

pagine LXXIV-54

isbn 978-88-95481-00-5

prima edizione 2007

ristampa 2008

 

14,00 11,90

-15%

DESCRIZIONE

L’edizione di una nuova e accurata traduzione della Magna Carta è una preziosa opportunità per presentarne anche un saggio di commento che accompagni il lettore nell’incontro con uno dei “miti fondatori” della cultura giuridica occidentale e con le fonti del lessico, delle regole e dei valori collegati ai diritti fondamentali degli “uomini liberi”, delle comunità civili, delle società complesse. Dal commento al testo emerge con lucida chiarezza la straordinaria importanza che esso riveste quale evento seminale nella duplice dimensione della storia delle istituzioni e della dottrina costituzionale: in tale luce sono interpretate le molte clausole della Magna Carta che, pur osservate nella loro genesi storica, rinviano a suggestioni e prospettive che trascendono il ristretto àmbito del diritto feudale. Ma tra le righe del documento sono anche evocati i volti e le storie degli uomini che attraverso le tensioni sociali e i conflitti politici del proprio tempo hanno voluto e prodotto la Magna Carta, restituendo a semplici nomi la carne e il sangue di persone reali, con le loro passioni, le loro fedeltà e i loro tradimenti. Non quindi solamente la storia di un testo, per quanto insigne, ma anche la storia degli uomini che, da sempre, suscita l’attenzione di chi a vario titolo si accosta alle vicende di tempi lontani.