L’uomo contro lo Stato di Herbert Spencer | Liberilibri Editrice
1212
product-template-default,single,single-product,postid-1212,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
Sconto
Herbert Spencer

L’uomo contro lo Stato

Un attacco radicale alle dottrine che limitano la libertà individuale in nome di altri obiettivi sociali

 

Herbert Spencer

a cura di Alberto Mingardi

pagine CXII-296

isbn 978-88-98094-37-0

prima edizione 2016

seconda ristampa 2018

 

20,00 17,00

-15%

DESCRIZIONE

«La grande superstizione politica del pas­sato era il diritto divino dei re. La grande superstizione politica del presente è il di­ritto di­vino dei parlamenti».

Herbert Spencer fu un nemico impla­­ca­bile di ogni “superstizione politica”. L’uomo contro lo Stato (1884), forse il più noto dei suoi saggi politici, è un testo di batta­glia, che si situa al di fuori della “Fi­lo­sofia sintetica” sulla quale Spencer la­vorò per tutta la vita. In quel­l’ambito, egli ave­va sviluppato una vasta teo­ria evo­­­lu­zio­­ni­stica. Da un lato ci sono “so­cietà mi­­­­­litari”, caratterizzate da un basso grado di divisione del la­voro e fortemente ge­­­rar­­­­chiche, e dall’altro “so­cietà industriali”, che hanno un grado elevato di di­vi­­­sione del lavoro e riconoscono crescenti spazi di li­bertà agli individui. Il prin­­­ci­pio cardine delle società più evolute è la “legge dell’eguale li­ber­tà”, per cui ciascuno ha di­ritto al massimo di libertà com­patibile con la libertà altrui. L’uomo contro lo Stato muove un attacco ra­dicale a tutte quelle dottrine che cer­cano di limitare la libertà individuale in nome di altri obiettivi sociali.

Questo libro comprende anche l’opera prima di Spencer, Il giu­sto ruolo del go­verno (1843), che contiene in nuce molte delle sue idee suc­cessive.