Liberilibri Editrice | Lo Stato servile
934
product-template-default,single,single-product,postid-934,woocommerce,woocommerce-page,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
sito_stato servile

Lo Stato servile

 

di Hilaire Belloc

 

traduzione di Vincenzo Maggitti

introduzione di Marco Vitale

 

PAGINE LIV-138

ISBN 978-88-85140-09-7

PRIMA EDIZIONE 1993

RISTAMPA 2012

 

16,00

Collana:
Descrizione

«Definiamo Stato servile l’ordinamento di una so­cietà nella quale il numero di famiglie e di individui co­stret­ti dalla legge a lavorare a beneficio di altre fa­mi­glie e altri individui è tanto grande da far sì che questo lavoro si imprima sull’intera comunità come un marchio.»

Con queste inquietanti e lapidarie parole, Belloc scol­pisce i connotati identificativi del­­le società evolute del nostro secolo. Capi­­talismo da un lato e so­cia­­lismo dall’altro, a dispetto dei loro programmi in­neg­gianti alle libertà, hanno assoggettato la massa degli individui a una nuova schiavitù. E se questi due modelli, per il resto antitetici, hanno un elemento che li fa simili, esso è l’esproprio della libertà del cittadino che entrambi ugual­mente operano: il primo indennizzandone il prezzo con i lauti consumi che è in grado di assicurare; il secondo con la sussistenza e la previdenza garantite. Nella sua appassionata ma lucidissima analisi, il grande pensatore cattolico preconizza un diverso possibile assetto dell’economia, più attento alla dignità umana e poggiante su irrinun­­ciabili fondamenti etici.