Liberilibri Editrice | L’ignoranza e il malgoverno. Lettere a «Liberty»
18938
product-template-default,single,single-product,postid-18938,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
Sconto
Vilfredo Pareto

L’ignoranza e il malgoverno. Lettere a «Liberty»

 

Vilfredo Pareto

Introduzione di Alberto Mingardi

In appendice uno scritto di Sophie Raffalovich

Traduzione di Alberto Mingardi

pagine XC-114

isbn 978-88-98094-43-1

prima edizione 2018

ristampa 2018

 

17,00 14,45

-15%

DESCRIZIONE

Nel 1888, «Liberty» è la principale ri­vista dell’anarchismo americano. Il suo editore-direttore, Benjamin Tucker, d’in­dole e in­teressi cosmopoliti, è alla co­stante ri­cerca di potenziali collaboratori. Vilfredo Pareto è invece un ingegnere e un man­ager, sempre più preso dagli studi di economia, liberista indomito. Critico feroce dell’establishment italiano, cerca alleanze fuori dalle cerchie tradizionali del liberalismo italiano.

Così le corrispondenze di Pareto arri­va­no a «Liberty». Sono una testimonianza spietata sull’Italia dei tempi, che come giovane Stato nazio­nale era guardato con curiosità in tutto il mondo. Pareto vede nell’interventismo, sia economico che mi­­litare, una congiura delle classi dirigenti ai danni del popolo. Ricche di sapidi giu­dizi sui politici del trasformismo, que­ste lettere vengono per la prima volta proposte al lettore italiano.