Liberilibri Editrice | L’etica della libertà
946
product-template-default,single,single-product,postid-946,woocommerce,woocommerce-page,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
sito_etica libertà

L’etica della libertà

 

di Murray N. Rothbard

 

a cura di Luigi Marco Bassani

 

PAGINE XLIV-434

EURO 18,59

ISBN 88-85140-25-4

PRIMA EDIZIONE 1996

RISTAMPA 2000

 

18,59

Collana:
Descrizione

L’etica della libertà è il prodotto maturo di una delle grandi menti del Ventesimo secolo. È la costruzione di una morale adeguata al capitalismo del laissez-faire, inteso come si­stema della libertà naturale dell’uomo.

Rothbard propone una società nella quale sia abolito il monopolio statale della vio­lenza, e tutti i servizi (anche sicurezza, protezione e giustizia) sia­no offerti in libera con­correnza sul mercato. L’analisi rothbardiana, nel solco di tradizioni quali l’anarchismo individualista americano, la Scuola austriaca di economia, il neotomismo e la dottrina lockiana dei diritti assoluti di proprietà, sviluppa gli argomenti morali a favore di una società libera, analizzando le implicazioni della libertà in tutti i campi, dalla dottrina dei contratti, alla famiglia, al diritto penale. Su un fondamento ultrarazionale egli co­struisce quindi una filosofia politica che ha il com­pito di delimitare il ruolo della violenza nella vita umana, negando alla metafora organicista dello Stato il potere di appropriarsi dei beni e della vita degli individui. Come per Nock prima di lui, il nemico na­turale della libertà dell’uomo è sempre e ovunque lo Stato, l’organizzatore dei mezzi politici, ossia degli strumenti di coercizione.