La memoria e il potere. Censura intellettuale e roghi di libri nella Roma antica di Mario Lentano | Liberilibri Editrice
1145
product-template-default,single,single-product,postid-1145,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
Sconto
Mario Lentano

La memoria e il potere. Censura intellettuale e roghi di libri nella Roma antica

La letteratura come ciò che dà voce al sovrano, oppure come strumento di opposizione

 

Mario Lentano

pagine 176

isbn 978-88-95481-99-9

prima edizione 2012

terza ristampa 2019

 

16,00 13,60

-15%

DESCRIZIONE

La letteratura come ciò che dà voce al so­vrano, oppure come strumento di opposizione. Moltissimi i nomi ce­lebri del dissenso: Tacito, Cice­rone, Vir­gilio, Catullo, Ovidio, Ipazia. Ma anche i cosiddetti minori, Aru­leno Ru­­­stico, Erennio Senecione, Gneo Nevio, Cremuzio Cordo, che minori non sono dal momento che “i fulmini non si abbat­tono se non sulle vette”. Un excursus ta­gliente, che tocca le grandi biblioteche di Roma e Ales­sandria, ma anche i luo­ghi dell’esilio fino agli estremi confini dell’Impero, e che va dal­l’età romana repubblicana fino ai nostri giorni. Il potere si rivela delirio di po­tere, in ogni tempo e ce­lato dietro ogni nome, la stessa regìa che sempre censura e sempre opera il massacro. Solo la me­moria, che è grido o si­lenzio, resta l’area protetta, il ri­fugio ultimo di un’umanità alla quale si può imporre di tacere ma non di dimenticare. E che si fa beffe della «stolidità di quanti credono, grazie al potere di cui godono al presente, di cancellare anche la me­moria delle età future».­