La città del Diavolo Giallo di Maksim Gor’kij | Liberilibri Editrice
1758
product-template-default,single,single-product,postid-1758,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
Sconto
Maksim Gor’kij

La città del Diavolo Giallo

Un ritratto allucinato e modernissimo della metropoli e dei suoi uomini-massa

 

Maksim Gor’kij

traduzione di Giuseppe Cosimo Tria

introduzione di Vittorio Strada

pagine XIV-110

isbn 88-85140-32-7

prima edizione 1998

 

12,39 10,53

-15%

Collana:

DESCRIZIONE

La città del Diavolo Giallo nasce da un viaggio che Gor’kij – ormai scrittore celebre in tutto il mondo – fece in America nel 1906. Alle accoglienze trionfali tributategli all’arrivo seguirono, nei suoi confronti, sgradevoli episodi d’intolleranza puritana che rafforzarono le sue convinzioni antiamericane e anticapitaliste. Aldilà del risentimento per le disavventure del viaggio, l’opera è pervasa dal profondo disgusto per una città massificata, frenetica, protesa solo verso l’accumulazione e il consumo, dove le luci artificiali sostituiscono il sole, e l’urlo incessante delle linee del tram fa da colonna sonora all’insensato agitarsi della folla.
Il lato guasto della Mela risplende oscenamente in questo febbricitante ma lucido ritratto di New York.
Allo stesso modo, negli incontri con i vari personaggi, quali il re germanizzante in esilio – curiosa premonizione della follia di onnipotenza nazista –, il grande capitalista, il diavolo in persona, s’inscena una grottesca Totentanz, metafora di dannazione del sistema occidentale. In queste pagine, cupe e luminose allo stesso tempo, il realismo romantico gorkiano declina in un registro che è già lacerazione espressionista e delirio surreale, offrendoci una spietata lente d’ingrandimento con cui osservare le tante mostruosità del nostro modello di vita.