Il paradiso e l’inferno degli imperialisti. Una polemica sull’aldilà nella Roma antica di Mario Lentano | Liberilibri Editrice
1193
product-template-default,single,single-product,postid-1193,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
Sconto
Mario Lentano

Il paradiso e l’inferno degli imperialisti. Una polemica sull’aldilà nella Roma antica

Lucrezio e Cicerone, due visioni inconciliabili dell’aldilà: un mito da demolire per uno, l’eternità beata per l’altro.

 

Mario Lentano

pagine 136

isbn 978-88-98094-21-9

prima edizione 2015

 

15,00 12,75

-15%

DESCRIZIONE

Alla metà del I secolo a.C. il poeta Lucrezio e l’oratore e uomo politico Cicerone, in­trecciarono una polemica di profonda va­lenza filosofica e politica. Oggetto del con­tendere, due visioni inconciliabili dell’aldilà: per l’uno si tratta di mito da de­molire, che nasce dalla proiezione di an­gosce e sogni legati alla condizione umana, per l’altro dell’eternità beata che attende chi si impegna al servizio dello Stato. Ma le pa­gine in cui quei due grandi difesero le loro tesi non sono soltanto fra le più alte della lettera­tura latina: influenzarono generazioni di poeti e pensatori successivi, che rispetto ad esse sentirono il bisogno di prendere posizione. In par­ti­co­lare, suscitò scandalo ancora per secoli la negazione lucreziana dell’aldilà che, pur di­venendo bersaglio di pesanti censure, non riuscì ad impedire la fortuna del suo poema.