Il mito virtuista e la letteratura immorale - Liberilibri Editrice
1130
product-template-default,single,single-product,postid-1130,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
Sconto
Vilfredo Pareto

Il mito virtuista e la letteratura immorale

Il Pareto libertario mette a nudo le ipocrisie le ipocrisie nascoste dietro ogni moralismo proibizionista

 

di Vilfredo Pareto

introduzione di Franco Debenedetti

pagine XXXII-216

isbn 978-88-95481-77-7

prima edizione 2011

LIBRO DISPONIBILE IN FORMATO ELETTRONICO SU:

www.bookrepublic.it

www.amazon.it

 

 

18,00 15,30

-15%

DESCRIZIONE

Mentre attendeva nell’“eremo” di Céligny alla sua opera più ponderosa e sistematica, il Trattato di sociologia generale, Pareto met­­teva mano al “trattatello” Le mythe vertuïste et la littérature immorale (Paris 1911), che fu tradotto con notevoli integrazioni e pub­blicato in Italia nel 1914.

Questa succosa e incalzante analisi condensa in modo esemplare l’anima profondamente li­­berale e libertaria di Pareto, e mette a nudo le tante ipocrisie che si na­scondono dietro ogni moralismo proibizionista che, oggi co­me un secolo fa – in nome di una presunta igiene fi­sica e morale collettiva –, pretende di vietare irrinunciabili diritti personali dell’individuo.