Il folle radicale del capitale. Panopticon e Auto-Icona di Jeremy Bentham - Liberilibri Editrice
1203
product-template-default,single,single-product,postid-1203,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
Sconto
Christian Welzbacher

Il folle radicale del capitale. Panopticon e Auto-Icona di Jeremy Bentham

Una lettura che restituisce Bentham alla contesto che gli è proprio: Illuminismo, Umanesimo e fede nell’economia di mercato

 

Christian Welzbacher

traduzione di Marco Miliozzi

pagine 176

isbn 978-88-98094-28-8

prima edizione 2015

 

16,00 13,60

-15%

DESCRIZIONE

Sugli scritti di Jeremy Bentham aleggia un che di diabolico, soprattutto in seguito alla in­terpretazione che ne diede Michel Foucault, il quale ha decretato una damnatio memoriae del filosofo, accusandolo di aver con­segnato la libertà dell’uomo nelle mani del capitalismo.

Welzbacher rilegge alcuni passaggi quasi pro­fetici di testi centrali di Bentham (Pan­op­ti­con e Auto-Icona) restituendo così, più appropriatamente, il pensiero del “folle radicale” – questo, l’appellativo con cui Goethe gra­tificò Bentham – nel contesto in cui è nato, fra Illuminismo, Umanesimo e fede nell’economia di mercato come sistema migliore per favorire il massimo della felicità al massimo numero di persone.