Il diritto come pretesa di Bruno Leoni | Liberilibri Editrice
989
product-template-default,single,single-product,postid-989,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
Bruno Leoni

Il diritto come pretesa

Autorità, regole. Individui. Leoni fa della sociologia del diritto una scienza giuridica autonoma. La prima edizione completa dei suoi scritti sul tema.

 

Bruno Leoni

a cura di Antonio Masala

introduzione di Mauro Barberis

postfazione di Alberto Febbrajo

pagine XLII-258

isbn 88-85140-65-3

prima edizione 2004

 

Esaurito

DESCRIZIONE

La recente storia giuridico-politica del­l’Oc­cidente è segnata da un rapido declino della sovranità statale, a cui si accompagna la crisi del concetto di ordinamento giuridico come sistema piramidale chiuso e completo di nor­me e sanzioni.

Questo processo evolutivo fu anticipato con fine lungimiranza da Bruno Leoni già negli anni Sessanta.

La sua lezione, in aperto contrasto con quel­la forma­listica di Kelsen e di tutto il giu­spo­si­tivismo ottocentesco, ha rafforzato una or­mai feconda disciplina giuridica, la sociologia del di­ritto, facendo di essa una scienza giuridica autonoma.

Gli scritti sul tema, qui raccolti per la prima volta in un’edizione completa, dimostrano che il diritto na­sce dalle intenzioni degli in­dividui, prima che da quel­­le dei legislatori, e si afferma con i comportamenti sociali e non semplicemente con l’imperatività e la coattività delle norme.

Anche per chi non condivida la visione politica lib­er­tarian di Leoni, il suo insegnamento costituisce un fondamentale contributo per introdurre nel concetto di ordinamento fonti sempre più eterogenee di un diritto multiforme.