Il bugiardo metafisico. Discorso su libertà, verità, violenza di Giancristiano Desiderio | Liberilibri Editrice
992
product-template-default,single,single-product,postid-992,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
Sconto
Giancristiano Desiderio

Il bugiardo metafisico. Discorso su libertà, verità, violenza

La scienza non può dirci cos’è il bene e sostituirsi alle scelte degli individui e alla loro libertà, ma il Bugiardo Metafisico detentore del potere sostiene di sì.

 

Giancristiano Desiderio

pagine 64

isbn 88-85140-74-2

prima edizione 2005

 

9,00 7,65

-15%

DESCRIZIONE

Alla domanda di Tolstoj “la scienza ci può dire cos’è il Bene?” noi abbiamo il dovere morale di rispon­dere di no. La scienza, qualunque essa sia, filosofica, sperimentale, po­litica, non può sostituirsi alle scelte de­gli individui e, quindi, alla loro libertà. Ma c’è chi a quella domanda ha risposto di sì: il Bugiardo Me­tafisico. Chi è? È una figura tipica del XX secolo (Lenin, Hitler, Sta­lin, Mao, Pol Pot…) che, avendo in mano il Po­tere e credendo o fingendo di credere di co­noscere la Verità, ha sacrificato sull’altare della ne­cessità storica o naturale le libertà e le vite di milioni di uomini per realizzare il Bene. Na­tu­ral­mente il Be­ne, o la Società Per­fetta, non è stato mai realizzato e mai lo sarà, perché il sapere del Bugiardo Meta­­fi­sico è una menzogna.

Nessun uomo conosce la necessaria razionalità della Storia o della Natura. E per quan­to possa apparire strano e paradossale, la libertà dei mortali dipende da questa (dòtta) ignoranza piuttosto che dalla conoscenza.