Gli errori giudiziari di Jacques Vergès | Liberilibri Editrice
1117
product-template-default,single,single-product,postid-1117,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
Sconto
Jacques Vergès

Gli errori giudiziari

Un piccolo museo di orrori davanti cui trovare ispirazione per pensare una giustizia che offra maggiori garanzie e tutele

 

Jacques Vergès

traduzione di Serena Sinibaldi

introduzione di Giuliano Ferrara

postfazione di Luigi Domenico Cerqua

pagine XVI-166

isbn 978-88-95481-65-4

prima edizione 2011

seconda ristampa 2015

 

16,00 13,60

-15%

DESCRIZIONE

In questa carrellata di errori giudiziari Jacques Vergès ci presenta un tragico, allarmante, piccolo museo degli orrori, visitando il qua­le dovremmo provare vergogna, sentircene per la nostra parte responsabili, e tremare. Se è vero che ogni uomo che non viva sulla luna è ben consapevole della fallibilità umana e non ignora che anche i giudici possono sba­gliare, è anche vero che in considerazione degli irreparabili e devastanti effetti che de­rivano dagli errori giudiziari, l’ordinamento giuridico dovrebbe garantire:

– la più severa vigilanza sulla condotta del magistrato inquirente e di quello giudicante affinché la loro funzione non sia inficiata dalla passione e dal fanatismo;

– la più assoluta e rigorosa applicazione del principio di presunzione di innocenza dell’imputato;

– la più grande “lontananza” possibile (in senso fisico e professionale) del magistrato inquirente da quello giudicante;

– l’obbligo per il magistrato di rispondere di fronte alla legge, ove abbia commesso gravi errori nell’esercizio della sua funzione.