Giustizia relativa e pena assoluta. Argomenti contro la giuridicità della pena carceraria di Silvia Cecchi | Liberilibri Editrice
1120
product-template-default,single,single-product,postid-1120,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
Sconto
Silvia Cecchi

Giustizia relativa e pena assoluta. Argomenti contro la giuridicità della pena carceraria

Una riflessione su responsabilità penale, reato e sanzione carceraria per pensare a sanzioni alternative alla detenzione.

 

Silvia Cecchi

postfazione di Vittorio Mathieu

pagine 184

isbn 978-88-95481-67-8

prima edizione 2011

ristampa 2011

 

16,00 13,60

-15%

DESCRIZIONE

Il nesso fra responsabilità penale e reato da un lato e sanzione carceraria dall’altro ci in­dicano orizzonti culturali e giuridici fra loro incommensurabili.

I profili di irriducibilità sono molti: la relatività della nozione di responsabilità penale a fronte della assolutezza della pena carceraria; i rispettivi pre­supposti e le di­verse finalità dei due istituti e il loro diverso atteggiarsi con il problema etico del male.

Ma alla base di queste profonde divergenze c’è l’irrisolto problema del rapporto tra la persona del reo nella sua interezza e un suo atto: l’atto criminoso è sempre espres­sivo del­la personalità del reo? E in quale mi­sura? L’atto esaurisce la personalità del reo?

La sanzione detentiva comminata per (quasi) tutti i reati mostra la sua abnormità anche in una prospettiva retribuzionistica della pena. Essa va dunque ripensata anche alla luce del­l’indirizzo assunto da diversi ordinamenti stranieri che hanno sperimentato sanzioni alternative alla detenzione.

Silvia Cecchi ci pone di fronte a questa inelu­dibile svolta di civiltà, oltre che con gli strumenti dello studioso anche con la conoscenza diretta del magistrato penale che opera sul campo.