Giustizia e letteratura di Jacques Vergès | Liberilibri Editrice
1137
product-template-default,single,single-product,postid-1137,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
Jacques Vergès

Giustizia e letteratura

Un percorso attraverso i celebri casi giudiziari del mito, della storia, della politica, della cronaca, della letteratura

 

Jacques Vergès

a cura di Serena Sinibaldi

pagine 360

isbn 978-88-95481-80-7

prima edizione 2012

 

Esaurito

DESCRIZIONE

«Un dossier processuale è sempre il rias­sunto d’un romanzo, il tema di una tragedia, la sinopsi d’un film. Ma questa tragedia, que­sto romanzo e questo film restano allo stato incompiuto: all’una e agli altri manca un quinto atto, un epilogo o uno scioglimento – in breve, un coronamento, foss’anche di spine, affinché il dramma sia completo.

Solo gli avvocati hanno il privilegio d’es­sere a un tempo gli spettatori di quel dramma, confidenti del protagonista, e i coautori, poi­ché accompagnano l’accusato lungo l’intero processo e lo aiutano ad affrontare il quinto atto della sua tragedia, l’epilogo del suo ro­manzo, il fi­nale del suo film. È a carico dei giudici incarnare il destino cieco.

Questa parentela di forma tra l’opera giu­diziaria e l’opera letteraria potrà sem­­­­brare sacrilega …»

Maître Vergès, nel ripercorrere celebri casi giudiziari del mito, della storia, del­la poli­tica, della cronaca e della lette­ra­tura, come quelli di Antigone, Gio­van­na d’Arco, Gilles de Rais, i Calas, Luigi XVI, Raskòlnikov, Barbablù, Al­bert Speer …, ci conferma in­vece che questa parentela non è affatto sa­cri­lega ma così profonda da aiutarci a decifrare la spesso oscura e distorta psicologia dei pro­tagonisti: le vittime, gli imputati, i pubblici accusatori, i giudici.