football di Giancristiano Desiderio | Liberilibri Editrice
20626
product-template-default,single,single-product,postid-20626,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
Giancristiano Desiderio

football

Trattato sulla libertà del calcio.

 

 

pagine 136

isbn 978-88-98094-75-2

prima edizione 2020

 

15,00

Collana:

DESCRIZIONE

LiberiLibri LiberiLibri

È stato Jean Paul Sartre a scrivere: «Il calcio è la metafora della vita». Questo luogo comune va capovolto: «La vita è la metafora del calcio.» In football si mette a tema questo “capovolgimento” e, con Johan Cruijff, si mostra che le regole del calcio sono due: Controllo & Abban­dono del pallone. Il calciatore può giocare a calcio perché non è il padrone assoluto del Gioco. La vita funziona allo stesso modo: l’uomo può vivere la libertà perché non è il padrone assoluto della Vita. Il calcio è troppo importante per lasciarlo ai giocatori, ai presidenti, ai giornalisti e agli intellettuali. Non a caso nel Novecento il calcio ha sconfitto i totalitarismi di Hitler e di Stalin. Così football è un testo ricco di storie vere: il calciatore che fermò Hitler, l’ebreo che con il Grande Bologna inventò il calcio moderno, il centravanti che giocava contemporaneamente in due squadre e la leggenda del centrobecco. Per finire con la famigerata Var, illusione diabolica che affonda le radici nel risentimento giustizialista anti-juventino. Ne nasce un trattato sulla libertà in cui il cal­cio è il modello cognitivo del Controllo & Abbandono che sostituisce quello deleterio del “sistema di sicurezza” della storia del pensiero occidentale.