Difesa dell'usura di Jeremy Bentham | Liberilibri Editrice
945
product-template-default,single,single-product,postid-945,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
Sconto
Jeremy Bentham

Difesa dell’usura

 

Jeremy Bentham

a cura di Nunzia Buccilli e Marco Guidi

pagine LXXXII-134

euro 14, 46

isbn 88-85140-20-3

prima edizione 1996

 

14,46 12,29

-15%

DESCRIZIONE

Il dibattito plurimillenario sul prestito a in­teresse e quello sulla fissazione per legge di un tasso massimo di remunerazione del denaro trovano in questo scandaloso pam­phlet del 1787 di Jeremy Bentham il pic­co ancora oggi insuperato per acutezza d’analisi e radicale libertà di pensiero.

«Nessun uomo adulto e sano di mente, che agisca li­be­ramente e con gli occhi ben aperti, dovrebbe essere ostacolato, con riguardo al suo vantaggio, dal compiere le transazioni che ritenga opportune per ottenere de­naro: né … chiunque altro dovrebbe essere im­pedito dal fornirglielo nei termini a cui egli ritenga op­portuno acconsentire.»

Con queste parole Bentham porta alle estreme conseguenze il principio dell’autonomia negoziale, suggellando la fine del lento processo di erosione dell’interdetto giudaico-cristiano contro l’usura.

Se la svolta calvinista aveva legittimato la pra­­tica del prestito ad interesse, non era stata però seriamente con­testata la necessità di un limite massimo al saggio d’interesse. Limite legale che è privo di giustifica­zione – dice Bentham – come lo sarebbe imporre per leg­ge un prezzo massimo nella compravendita dei cavalli. Limite che, fra l’altro, non è uno strumento adeguato né per evitare lo sperpero del de­na­ro da parte dei prodighi e degli oziosi né per evitare i deleteri fenomeni di strozzinaggio.