Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo e del Cittadino [1789] di | Liberilibri Editrice
1656
product-template-default,single,single-product,postid-1656,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
Sconto

Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo e del Cittadino [1789]

 

 

traduzione di Serena Sileoni

introduzione di Tommaso Edoardo Frosini

testo a fronte

pagine XLIV-14

isbn 978-88-95481-12-8

prima edizione 2008

 

11,00 9,35

-15%

DESCRIZIONE

Il 26 agosto 1789 è una grande data della storia costituzionale. A Parigi, i rappresentanti del popolo francese, costituiti in Assemblea Nazionale, votano e approvano la Déclaration des droits de l’Homme et du Citoyen. Una data e un testo che segnano la fine di un’epoca e l’inizio di un’altra, e rappresentano una svolta nella storia del genere umano.
Se collocata nel suo contesto storico, la Dichiarazione rivela lo spirito d’una lotta generalizzata contro l’ordinamento giuridico, sociale e politico, fondato sul principio dei privilegi corporativi.
Ma l’importanza e la grandezza della Dichiarazione è quella di essere, e di andare, oltre lo spirito del tempo. Non solo testo che dichiara i diritti per la Rivoluzione francese, ma documento che si proietta nel futuro e per il futuro dei diritti dell’umanità. Quei diritti che vengono dichiarati rappresentano ancora oggi le radici dei diritti fondamentali dell’uomo: una grande conquista di civiltà giuridica e politica per la Francia di allora, ma soprattutto per la storia umana.
(Dall’Introduzione di Tommaso Edoardo Frosini)