Cromedeyre-le-Vieil di Jules Romains | Liberilibri Editrice
1851
product-template-default,single,single-product,postid-1851,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
Sconto
Jules Romains

Cromedeyre-le-Vieil

Piccolo gioiello della letteratura francese amato da André Gide, racconta la vita di un villaggio isolato e incontaminato fedele alle proprie tradizioni ancestrali.

 

Jules Romains

Traduzione di Serena Sinibaldi

Introduzione di Martina Cardelli

pagine XXIV-116

isbn 978-88-95481-34-0

prima edizione 2009

 

15,00 12,75

-15%

Collana:

DESCRIZIONE

L’atmosfera panica che avvolge questa splendida pièce, ambientata in un isolato villaggio francese nella regione del Mézenc, rimanda all’archetipo mitico sui rapimenti di fanciulle, poi trasfuso nella leggenda italica del Ratto delle Sabine. Una piccola comunità anarchica, gelosa e fiera della propria identità, non riconosce altra sovranità se non le proprie tradizioni e guarda a Parigi come ad un mostro lontano. Personaggi non contaminati dai tabù politici, sessuali, religiosi, sociali del Novecento animano un micromondo che non è fantastico, ma oniricamente reale e forse magico. Non a caso André Gide amò particolarmente questo poco noto gioiello della letteratura francese.