Cristiani per la libertà. Radici cattoliche dell'economia di mercato di Alejandro A. Chafuen | Liberilibri Editrice
963
product-template-default,single,single-product,postid-963,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
Sconto
Alejandro A. Chafuen

Cristiani per la libertà. Radici cattoliche dell’economia di mercato

Un testo che ricorda al mondo cattolico idee e tesori nascosti della sua tradizione, come alcune teorie poi riprese da esponenti della Scuola austriaca di economia.

 

Alejandro A. Chafuen

traduzione di Cristina Ruffini

introduzione di Dario Antiseri

pagine XXVI-222

isbn 978-88-85140-38-7

prima edizione 1999

seconda ristampa 2007

 

15,00 12,75

-15%

DESCRIZIONE

Cristiani per la libertà. Radici cattoliche dell’economia di mercato restituisce alla conoscenza dei cultori delle scienze sociali, e del grande pubblico, una corrente del pensiero cristiano che la cultura cattolica, nel corso degli ultimi tre secoli, ha relegato nel fon­daco dei materiali esplosivi. Il lavoro di Chafuen mostra quanto le idee economiche dei tardoscolastici abbiano in­flu­enzato i fisiocratici e autori liberali classici quali A. Ferguson e A. Smith. Mette anche in luce le sorprendenti analogie con le teorie che su proprietà privata, finanza pubblica, moneta, commercio, valore e prezzo, salario, profitto e interesse sono state succes­sivamente proposte da esponenti di prestigio della Scuola austriaca di economia. Questo libro – come sottolinea M. Novak – è prezioso per il mondo cattolico, spesso dimentico dei te­sori della sua tradizione. Se è vero che per essere buoni cristiani non si deve essere necessariamente li­be­rali, è altrettanto vero che, se il benessere del no­stro prossimo e la libertà sono finalità iscritte nel codice ge­netico del cristianesimo, il liberalismo – no­­no­stan­te l’avversa opinione di tanti cattolici – è lo strumento più adatto per conseguirle. Un’analisi illuminante che strappa defini­tivamente dalle mani degli statalisti d’ogni colore l’usurpato e spesso malinteso vessillo della solidarietà.