Crimine e Potere. Due lezioni londinesi di Thomas Hodgskin | Liberilibri Editrice
1183
product-template-default,single,single-product,postid-1183,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
Sconto
Thomas Hodgskin

Crimine e Potere. Due lezioni londinesi

Il mercato e la libertà contro la legislazione e l’arbitrio del potere pubblico

 

Thomas Hodgskin

a cura di Alberto Mingardi

pagine 208

isbn 978-88-98094-16-5

prima edizione 2014

 

16,00 13,60

-15%

DESCRIZIONE

«Così il Parlamento, con le sue azioni dirette, trasforma gli innocenti in colpe­voli, crea per legge crimini e criminali».

Nella Londra di metà Ottocento, Thomas Hodgskin de­nun­ciò una società che si muoveva «sotto il dominio di due principî contra­stanti»: da una parte, il mercato e la libertà, al­­l’origine della straordinaria esplo­sione di ricchezza dell’età moderna. Dal­l’altra, la le­gi­slazione e l’arbitrio del po­­tere pub­blico: stru­mento a di­spo­si­zione di una classe dominante avida di privilegi, e desiderosa di sottrarsi alle oscillazioni e ai rischi della concorrenza. Da queste conferenze, due gioielli di luci­dità e passione, emerge il pensiero senza compromessi di un “anarchico smithiano”: che dieci anni dopo l’abolizione delle Corn Laws sognava un mercato libero di regolare «gli stipendi dei funzionari, e le pi­gioni al clero, così come avviene con i profitti del negoziante e coi salari del lavoratore».