Crainquebille di Anatole France | Liberilibri Editrice
975
product-template-default,single,single-product,postid-975,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
Sconto
Anatole France

Crainquebille

Il venerdì santo del diritto: una riflessione amara sulla fallibilità dei processi attraverso la vicenda grottescamente banale di un povero Cristo.

 

Anatole France

a cura di Carlo Nordio

pagine 104

isbn 978-88-85140-49-3

prima edizione 2002

ristampa seconda edizione 2017

 

14,00 11,90

-15%

DESCRIZIONE

«I processi che hanno fatto riflettere le no­stre co­scienze non sono quelli perfetti e regolari, ma quelli falliti, sono quelli di So­crate, di Gesù, di Galileo. Il concetto di giustizia si afferma solo nel calvario delle sue sconfitte, nel ricorrente venerdì santo del diritto, senza il quale non ci sarebbe la pasqua dell’equità. Per questo il processo al povero Crainquebille, benché mo­desto nell’imputazione, breve nello svolgimento e mite nella condanna, è nella sua banalità grot­tesca un esempio da meditare … Nes­­­su­no meglio di noi magistrati conosce i ri­schi mortali ed opposti del nostro operare: la rassegnazione codarda che ci ren­de inerti, e la determinazione inflessibile che ci rende fanatici. Contro entrambe le tentazioni, le vicende di Bridoye e di Crainquebille sono ottimi antidoti: ci riconciliano con le nostre imperfezioni e i nostri li­miti, e senza to­glierci l’aspirazione all’affermazione del di­ritto ci affrancano dal pregiudizio ingenuo di una Giustizia assoluta.» (Carlo Nordio)