Liberilibri Editrice | Costituzione di Francoforte [1849]
18772
product-template-default,single,single-product,postid-18772,woocommerce,woocommerce-page,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
costituzione francoforte

Costituzione di Francoforte [1849]

 

traduzione di Andrea De Petris

introduzione di Dian Schefold

testo a fronte

 

PAGINE LX-116

ISBN 978-88-98094-45-5

PRIMA EDIZIONE 2018

 

17,00

Collana:
Descrizione

Nella sua Storia del liberalismo europeo Guido De Ruggiero scriveva che «il 1848 è l’anno della grande campagna del li­be­ra­lismo tedesco per l’unificazione na­zio­nale». Di questa «campagna» il Parlamento riunito nella sconsacrata Paulskirche di Francoforte sul Meno fu un grande prota­gonista. Ma nella seduta del marzo 1849 l’ambiziosa scommessa dei liberali, che aveva assunto la forma di una costi­tu­zione unica per l’intera Germania, co­nob­be un clamoroso fallimento: di fronte al­l’offerta, da parte dell’assemblea, del­la corona di Imperatore dei Tedeschi, l’Hohenzollern Federico Gugliemo IV sdegnosamente rifiutava. E mentre il pro­­getto di una Germania unita sotto egida prussiana veniva realizzato per altre vie nel giro di alcuni anni, quello di una de­mocrazia parlamentare tornerà a nuova vita dopo sette decenni, nel corso dei quali, evidentemente, le coraggiose utopie concepite nella Paulskirche di Franco­forte non erano state del tutto cancellate dalla memoria dei Tedeschi.