Cato's Letters. Antologia - Liberilibri Editrice
956
product-template-default,single,single-product,postid-956,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
Sconto
John TrenchardThomas Gordon

Cato’s Letters. Antologia

Diffida al potere: il breviario laico delle libertà politiche, economiche e religiose irrinunciabili per i coloni americani e d’ispirazione per la recente corrente intellettuale libertarian.

 

John Trenchard, Thomas Gordon

a cura di Carlo Lottieri

traduzione di Carlo Lottieri, Guglielmo Piombini, Nicola Iannello

pagine L-100

isbn 88-85140-30-0

prima edizione 1997

 

12,39 10,53

-15%

DESCRIZIONE

Le Cato’s Letters (1720-1725) di John Tren­chard e Thomas Gordon furono il testo più diffuso e più letto fra i coloni americani di ogni strato sociale e costituirono il breviario laico delle libertà politiche, economiche, re­li­giose, irrinunciabili per i cittadini della Nuova America. Nel loro costante richiamo alla assoluta ne­cessità di porre rigorosi limiti al potere di ogni governo, i rivoluzionari americani rinvennero persuasivi argomenti storico-filosofici per legittimare la rivolta contro gli ar­bitrî della madrepatria, la violazione delle libertà individuali, la coscrizione obbligatoria e permanente, la censura sulla stampa. Può sicuramente affermarsi che alla vastis­sima circolazione di questa opera devono mol­to la forte co­scien­za civile e la sempreviva componente liber­taria dell’animo americano. Dalle Cato’s Letters, che rappresentano il trait d’union fra la tradizione politica di Al­gernon Sidney, John Locke, il radicalismo whig e il libertarismo della Dichiarazione d’In­­di­pendenza, ha tratto decisiva ispirazione quella corrente intel­let­tua­­le libertarian che va sempre più af­fer­man­dosi nel contesto in­ternazionale degli ultimi de­cenni.

RECENSIONI

Le radici culturali del movimento anarco-capitalista di Manuela Girgenti, Storia e politica, Anno VII, n. 3 2015, pagg. 641-642

[…] Una testimonianza in tal senso ci viene offerta da Thomas Gordon e John Trenchard, che, tra il 1719 e il 1723, in una serie di articoli, pubblicati sul London Journal e successivamente raccolti in un volume dal titolo Catos’ Letters (cfr. Gordon-Trenchard 1997), contribuirono a preparare il terreno culturale e ideologico dal quale trasse alimento il fuoco della rivoluzione americana. I due autori, pur ispirandosi alla dottrina di Locke, diedero un’impronta particolarmente radicale al pensiero di quest’ultimo, trasformando la sua filosofia politica in uno strumento di lotta. Mentre Locke giustificava la ribellione al governo solamente nel caso in cui questo violasse i diritti naturali degli uomini, Gordon e Trenchard affermavano, viceversa, che i governi tendono sempre a sopprimere i diritti naturali e non alla loro protezione. Da Cato’s Letters, di conseguenza, emerge sempre l’idea che la storia dell’umanità non sarebbe altro che la storia del conflitto tra potere e libertà e che il potere, cioè lo Stato, sarebbe sempre in agguato, pronto a violare i diritti dei cittadini e a distruggere le loro libertà; è per questo motivo che, secondo Gordon e Trenchard, lo Stato dovrebbe essere mantenuto di dimensioni minime e continuamente controllato. Non a torto Cato’s Letters è stato ritenuto come il libro che abbia maggiormente contribuito a preparare il terreno culturale e ideologico dal quale trasse alimento il fuoco della rivoluzione americana. […]