Liberilibri Editrice | 266. Jorge Mario Bergoglio Franciscus P.P.
1219
product-template-default,single,single-product,postid-1219,woocommerce,woocommerce-page,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
sito_266

266. Jorge Mario Bergoglio Franciscus P.P.

 

di Aldo Maria Valli

 

PAGINE 216

ISBN 978-88-98094-38-7

PRIMA EDIZIONE 2016

TERZA RISTAMPA 2017

 

16,00

Collana:
Descrizione

Eletto il 13 marzo 2013, primo papa sud­ameri­cano e gesuita, primo a trovarsi a convivere con un papa emerito e primo a scegliere per sé il nome di Francesco, Jorge Mario Bergoglio, pontefice numero 266 nella storia della Chiesa cattolica, ha subito guadagnato presso la cultura progressista e lai­ci­sta profonda simpatia. Sono pia­ciuti il suo presentarsi all’inse­gna dell’umiltà, della sem­­plicità e della po­vertà, le sue sfer­zate a preti e ve­scovi, la sua proposta di Chiesa “ospedale da campo”, la richiesta, rivolta ai pastori, di por­tare ad­dosso “l’odore delle pecore”, l’insofferenza verso l’economia di mer­cato. Nello stesso tempo, tuttavia, proprio questa linea, esplicitata soprattutto nella Amoris lae­titia sull’amore nella fa­miglia e sfociata nella richiesta di giudicare non sulla base di principî generali ma caso per caso, ha suscitato per­ples­sità crescenti. Proprio la lettura di Amoris laetitia legittima una domanda: che cosa sta più a cuore alla cosiddetta “Chiesa di Francesco”? La salvezza dell’anima o il be­­nessere psicologico ed emo­tivo delle persone? E infine il grande problema della mancata de­nuncia delle ra­dici religiose dell’estremismo islamista, che, insieme all’abbraccio con il pa­triarca di Mosca Kirill, ci mette di fronte a una Realpolitik a sua volta fonte di do­man­de e perplessità.