Liberilibri Editrice | Menger, Carl
1576
page-template-default,page,page-id-1576,page-child,parent-pageid-13,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive

Menger, Carl


 

(1840-1921) È il fondatore della Scuola Austriaca di economia i cui esponenti più noti sono Eugen Böhm-Bawerk, Friedrich von Wieser, Ludwig von Mises, Friedrich A. Von Hayek, Murray N. Rothbard.

Con William S. Jevons e Léon Walras ha dato vita a quella “rivoluzione marginalistica” che, nella seconda metà del secolo scorso, ha profondamente mutato i presupposti teorici della scienza economica e aperto nuovi orizzonti alle scienze sociali.
Menger, che insegnò economia all’Università di Vienna e fu anche precettore dell’arciduca Rodolfo, è considerato tra i principali esponenti di quella cultura austriaca che ha segnato il pensiero del nostro secolo. La sua opera di filosofo delle scienze sociali, che si collega alla teoria dei valori soggettivi del marginalismo “austriaco” e alla teoria della sovranità del consumatore, ha esercitato una profonda influenza sul liberalismo contemporaneo.

Di Carl Menger, Liberilibri ha pubblicato Sul metodo delle scienze sociali.