Liberilibri Editrice | Melville, Herman
1829
page-template-default,page,page-id-1829,page-child,parent-pageid-13,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive

Melville, Herman


 

(New York, 1819-1891) È ormai riconosciuto come un classico della letteratura romantica americana e mondiale. A ventisei anni, dopo una infanzia sofferta e una prima giovinezza «sregolata e avventurosa» di marinaio (nelle note parole di Hawthorne), Melville inizia la sua carriera letteraria. Scrive sette romanzi in sette anni, alternando successi a insuccessi, fino ad alienarsi definitivamente il favore e la stima del pubblico con i suoi capolavori, Moby-Dick (1851) e Pierre (1852), due romanzi audaci, tanto incomprensibili quanto dissacratori per i suoi contemporanei. Sull’orlo del disastro letterario ed economico, continua la sua attività narrativa fino al 1857, per poi abbandonare la carriera pubblica di scrittore di prosa e dedicarsi ad una lunga e oscura attività di poeta. Muore quasi del tutto dimenticato, lasciando fra le sue carte il manoscritto di Billy Budd, il suo ultimo capolavoro narrativo.

Di Melville, Liberilibri ha pubblicato Lettere a Hawthorne (1994).