La Boétie, Étienne de | Liberilibri Editrice
1466
page-template-default,page,page-id-1466,page-child,parent-pageid-13,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive

Étienne de La Boétie


 

(1530-1563) Maturata una solida formazione umanistica sotto la guida di suo zio Nicolò Gaddi, vescovo di Sarlat, dopo aver compiuto gli studi di diritto all’Università Di Orléans, dove insegnava Anne du Borg, impiccato e brulé nel 1559 per aver osato criticare le persecuzioni contro gli ugonotti, diviene consigliere al Parlamento di Bordeaux. Svolge, ispirandosi a principî di tolleranza, delicati incarichi diplomatici per conto del Consiglio del re e del Cancelliere Michel de L’Hospital, nel pieno dei conflitti religiosi fra ugonotti e cattolici intransigenti. Traduttore di Senofonte e di Plutarco, scrisse anche varie composizioni poetiche, ma la sua fama è legata esclusivamente al Discorso sulla servitù volontaria.