Liberilibri Editrice | Defoe, Daniel
1631
page-template-default,page,page-id-1631,page-child,parent-pageid-13,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,columns-4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive

Daniel Defoe


 

(1660?-1731) Mercante, uomo politico, giornalista, scrittore satirico, romanziere, deve soprattutto la sua fama alle opere di narrativa, tra cui Robinson Crusoe (1719), Moll Flanders (1722), Roxana (1724). Meno conosciuti, ma di grande interesse, sono gli scritti satirici, tra i quali ricordiamo: The True-Born Englishman (1701), Reformation of Manners (1702), The Shortest Way with the Dissenter (1701), e A Hymn to the Pillory (1703). Di idee liberali, Defoe si mostra in queste opere un appassionato difensore della libertà di opinione e di coscienza, un fustigatore implacabile dei vizi pubblici e privati degli uomini politici del tempo. Pagò di persona, due volte con la prigione e sempre con gravi difficoltà economiche, con l’emarginazione dalla vita sociale e politica, per la propria indipendenza e onestà intellettuale. Di Daniel Defoe, Liberilibri ha pubblicato nella collana «Oche del Campidoglio» Inno alla Gogna (1993, 2010).