Privacy Distribuzione Carrello Ordini Contatti Home page Profilo Notizie Appuntamenti Liberifogli
Linea
Copertina Luigi Einaudi, Salvatore Valitutti
La libertà della scuola

A CURA DI GIANCRISTIANO DESIDERIO

 

Anno di pubblicazione: 2009

 

 

PAGINE XL - 112 EURO 16,00
ISBN 978-88-95481-45-6

La scuola non si fonda sullo Stato, ma sulla libertà. In Italia, però, non c'è la "scuola libera" perché l'istruzione è solo statale. Anche le scuole impropriamente dette private sono statali, cioè paritarie: sono riconosciute dallo Stato e così legittimate a rilasciare titoli legali di studio. L'unica vera riforma dell'istruzione è quella indicata da Luigi Einaudi prima e da Salvatore Valitutti poi: l'abolizione o svalutazione del valore legale dei titoli di studio. Solo se l'ordine degli studi verrà svincolato dal monopolio pubblico del sapere e dell'educazione si potrà avere il sistema della "scuola libera".

Gli scritti di Einaudi e di Valitutti, illustrati dal saggio introduttivo di Giancristiano Desiderio, sono la guida intellettuale e morale più sicura per realizzare l'indilazionabile emancipazione della scuola dagli indottrinamenti e dalle certificazioni di Stato.

Luigi Einaudi, Salvatore Valitutti

 

Luigi Einaudi (Carrù 1874-Roma 1961): è una delle più eminenti figure del pensiero liberale italiano del secolo scorso. I suoi studi di scienza delle finanze gli guadagnarono un prestigio assoluto in campo internazionale. Ma al di là dei suoi meriti scientifici, attraverso innumerevoli brevi saggi e articoli sulla stampa seppe trasfondere l'idea liberale dell'accademia alla concreta realtà politica e culturale. Fu deputato costituente, Ministro delle finanze, del tesoro e del bilancio, Governatore della Banca d'Italia e infine dal 1948 al 1955 Presidente della Repubblica.

 

Salvatore Valitutti (Bellosguardo 1907-Roma 1992): grande uomo di cultura e grande liberale, profondo conoscitore e studioso dei problemi della scuola, fu più volte senatore e deputato. Docente di dottrina dello Stato, fu anche Ministro della pubblica istruzione per un breve periodo (1979-1980) durante il quale si impegnò ad avviare un deciso riordinamento del sistema universitario.

« Torna alla pagina precedente
Aggiungi al carrello     Aggiungi al carrello