Privacy Distribuzione Carrello Ordini Contatti Home page Profilo Notizie Appuntamenti Liberifogli
Linea
Copertina Mario Lentano
La memoria e il potere

Anno di pubblicazione: 2012

Ristampa: 2013

Seconda ristampa: luglio 2017

PAGINE 172 EURO 16,00
ISBN 978-88-95481-99-9

La letteratura come ciò che dà voce al sovrano, oppure come strumento di opposizione. Moltissimi i nomi celebri del dissenso: Tacito, Cicerone, Virgilio, Catullo, Ovidio, Ipazia. Ma anche i cosiddetti minori, Aruleno Rustico, Erennio Senecione, Gneo Nevio, Cremuzio Cordo, che minori non sono dal momento che "i fulmini non si abbattono se non sulle vette".

Un excursus tagliente, che tocca le grandi biblioteche di Roma e Alessandria, ma anche i luoghi dell'esilio fino agli estremi confini dell'Impero, e che va dall'età romana repubblicana fino ai nostri giorni. Il potere si rivela delirio di potere, in ogni tempo e celato dietro ogni nome, la stessa regìa che sempre censura e sempre opera il massacro. Solo la memoria, che è grido o silenzio, resta l'area protetta, il rifugio ultimo di un'umanità alla quale si può imporre di tacere ma non di dimenticare. E che si fa beffe della «stolidità di quanti credono, grazie al potere di cui godono al presente, di cancellare anche la memoria delle età future». 

Mario Lentano (Napoli 1964)

Dopo aver insegnato a lungo nei licei classici, è attualmente ricercatore di Lingua e letteratura latina presso l'Università di Siena e membro del Centro Antropologia e mondo antico del medesimo ateneo.

Ha al suo attivo numerose pubblicazioni, tra cui da ultimo "Signa culturae". Saggi di antropologia e letteratura latina (2009), Le ragioni del sangue. Storie di incesto e fratricidio nella declamazione latina (2009) con Graziana Brescia, e Il mito di Enea. Imma­gini e racconti dalla Grecia a oggi (2013) con Maurizio Bettini.

Per i nostri tipi è apparso nel 2012 La memoria e il potere. Censura intellettuale e roghi di libri nella Roma antica.

« Torna alla pagina precedente
Aggiungi al carrello     Aggiungi al carrello